ECM: le nuove regole per i professionisti, documento di sintesi 

Il 31 dicembre 2013 si è concluso il triennio formativo 211/2013; si tratta del primo triennio “attestabile” o “certificabile” per tutti i professionisti sanitari.

E’ possibile per ogni professionista verificare il proprio percorso formativo ECM entrando nel portale Cogeaps attraverso l’apposito indirizzo.

Come sapere i crediti maturati?

E’ consigliabile iscriversi sul portale http://www.cogeaps.it Il sistema mostrerà i crediti maturati ed indicherà il dovuto totale già comprensivo di “bonus” eventualmente maturato nel triennio precedente. E’ attivo anche il call center della CoGeAPS, il numero da comporre è 06/42749600 dalle ore 9.00 alle 17.00 dal lunedi al venerdi.

 

Se i dati presenti nel portale risultano incompleti?

I dati forniti riguardano la formazione effettuata dai professionisti iscritti al Collegio. E’ possibile che manchino parte dei crediti formativi acquisiti dal professionista. In genere si tratta di crediti ECM provenienti dai sistemi di accreditamento regionali, che,  per motivi diversi, tardano a trasmettere al Cogeaps.

Inoltre il sistema sta funzionando a regime solo da pochi mesi ed è possibile qualche disfunzione o ritardo.

 

Quanti sono i crediti da accumulare nel triennio 2014-2015?

Confermati i 150 crediti. Anche per questo triennio il debito formativo varierà in base a quanti ECM sono stati raggiunti nel triennio precedente.

 

Quali modalità di formazione permettono di maturare crediti ECM? 

Il nuovo accordo conferma  diverse modalità di formazione a cui vengono assegnate i crediti formativi (vedi http://ape.agenas.it/).

 

Di seguito riportiamo l’elenco delle diverse modalità di formazione accreditabili:

  • Formazione residenziale
  • Convegni, congressi, simposi, conferenze (oltre 200 partecipanti)
  • Workshop, seminari, corsi ( anche all’interno di congressi, ecc..)
  • Formazione residenziale interattiva
  • Training individualizzato
  • Gruppi di miglioramento
  • Attività di ricerca
  • Audit clinico e/o assistenziale
  • Autoapprendimento senza tutoraggio
  • Autoapprendimento con tutoraggio
  • Docenza e tutoring

 

****----****----****

 

News Federazione Nazionale IPASVI

"Non rinnovabile il problema dei 70.000 infermieri che mancano in Italia rispetto alla media OCSE

 

Per il momento, nel Documento di economia e finanza non ci sono brutte “sorprese” per la sanità. Ma l'incertezza ha segnato anche gli Stati generali della salute promossi dal ministero. Dove si è sentita forte anche la voce della Federazione Ipasvi: "Non è più rinviabile il problema dei 70mila infermieri che mancano in Italia rispetto alla media Ocse".

No, i tagli non ci sono, a meno che non arrivi una sorpresa con un pacco regalo».A dirlo era stato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla vigilia della “due giorni” degli Stati generali che il ministro ha «fortemente voluto» organizzare a Roma. Un evento, aveva spiegato, che «non sarà una fiera ma il momento per fare la pianificazione e il punto della situazione nel settore sanità. Si metteranno in risalto le eccellenze ma ci confronteremo anche sulle problematiche del nostrosistema».

.

(Testo completo su sito FNC: http://www.ipasvi.it )

  

****----****----****

 

Collegio Ipasvi di Lucca

VIA SAN DONATO, 357 - 55100 LUCCA
Tel./Fax 0583.419114
Cell. 334785392

Per contatti telefonici:

Lunedì

Giovedì

ore 10,00 - 12,00

Martedì

ore 10,00 - 12,00

ore 15,00 - 17,00

- sportello aperto al pubblico:

Mercoledì

ore 8,30 - 12,30

Giovedì

ore 15,30 - 18,30


Per informazioni, quesiti e richieste di appuntamento sarà attiva la casella di posta elettronica: info@ipasvi.lucca.it , segnalando nome e cognome, recapito telefonico; sarete ricontattati.

 

 

 

@ Collegio Ipasvi di Lucca

VIA SAN DONATO, 357 - 55100 LUCCA
Tel./Fax 0583.419114
Cell. 334785392

Per contatti telefonici:

Lunedì

Giovedì

ore 10,00 - 12,00

Martedì

ore 10,00 - 12,00

ore 15,00 - 17,00

- sportello aperto al pubblico:

Mercoledì

ore 8,30 - 12,30

Giovedì

ore 15,30 - 18,30


Per informazioni, quesiti e richieste di appuntamento sarà attiva la casella di posta elettronica: info@ipasvi.lucca.it , segnalando nome e cognome, recapito telefonico; sarete ricontattati.

 

****----****----****

ULTIMISSIME!!!

 Istituzionali    Politica Sanitaria    Formazione

 

Il Concessionario ha confermato il termine dei collaudi a marzo

Presentato il 12 febbraio

La direzione futura della ricerca potrebbe concretizzarsi entro due anni.

Il Ministero comunicherà agli utenti il rischio virus in tempo reale. Giorno per giorno e regione per regione.

Si protraggono le operazioni di collaudo

La questione «sostenibilità» non può essere elusa.

Incoraggiamento agli operatori dell'Ospedale Versilia

Consiglio dei Ministri approva bozza di decreto legislativo per il recepimento della Direttiva 2011/24/UE

Telefono verde attivo dalle 10.00 alle 18.00 - 800.861.061

 

 

 

 

(collegamento alla pagina dei CONCORSI)

 

 

@ Quota Iscrizione Albo 2014 

 

Gli iscritti che non hanno ricevuto o hanno smarrito il MAV scaduto il 7 febbraio scorso, per € 84,00 ed € 20,00 per gli iscritti pensionati che ne abbaiano fatto richiesta,

possono provvedere a versare la quota attraverso bonifico bancario intestato a Collegio IPASVI di Lucca  sulle seguenti coordinate:

 

IBAN:IT43 E 0503413709 000000103675

CRL Lucca, Pisa, Livorno/Banco popolare

 

avendo cura di specificare nella descrizione nome, cognome e quota anno 2014

 

@ La PEC, obbligatoria per tutti i professionisti

Il Decreto Legge 29 novembre 2008 n. 185, convertito nella Legge 2/2009, rende obbligatorio l'uso della posta elettronica certificata per i Professionisti. AFFRETTATI: attiva la TUA PEC e danne comunicazione al Collegio inviando una mail a: segipasvilu@tin.it.

Come fare ad attivare la PEC con il Collegio Ipasvi di Lucca?
1) Richiedi al Collegio la scheda per l'iscrizione e fai il pagamento di €10,00 sul bollettino di CCP n°70423579 intestato al Collegio Ipasvi di Lucca, indicando nella causale di versamento: "Acquisto PEC su Dominio Collegio Ipasvi Lucca"
2) Invia al collegio Ipasvi di Lucca per fax al N° 0583-419114 i seguenti documenti:
a) la scheda compilata
b) fotocopia fronte retro del documento di identità
c) fotocopia fronte retro del codice fiscale
d) copia della ricevuta di pagamento di €10,00 sopra indicato
3) Nei successivi giorni ti arriverà una mail con la procedura per l'attivazione della PEC. Se riesci a farlo da te manda al Collegio la conferma dell'avvenuta attivazione. Se hai qualche problema contatta il collegio che attraverso un collega disponible di aiuterà nell'attivazione.

 

@ Scheda per la rilevazione dei bisogni

Si invitano tutti gli iscritti al Collegio Ipasvi a Lucca di scaricare la scheda dei bisogni formativi che si trova nella sezione riservata modulistica e di invarla compilata per e-mail: segreteria@ipasvi.lucca.it o per fax al n. 0583.419114

 

@ Comunicato agli Iscritti residenti fuori Provincia di Lucca  

A tutti gli Iscritti al Collegio Ipasvi di Lucca residenti fuori della Provincia di Lucca. A seguito della circolare n.33/2013 della Federazione Nazionale Collegi Ipasvi questo Collegio ha provveduto a verificare le posizioni dei propri Iscritti rispetto alla residenza ed al domicilio professionale.

Infatti l’art.4 del DPR 221/50 definisce la residenza quale requisito essenziale per l’iscrizione al Collegio Ipasvi e l’articolo 16 della L.n.526 del 21/12/1999 ha equiparato il domicilio professionale alla residenza.

Precisiamo quindi che,  in assenza della residenza e/o del domicilio professionale nella Provincia di Lucca, viene meno uno dei requisiti previsti dalla legge per l'iscrizione all'Albo della Provincia  e  obbliga questo Collegio a procedere alla cancellazione. Si chiede pertanto agli Iscritti che risultano residenti fuori Provincia di Lucca di segnalare se hanno il  domicilio professionale (luogo di lavoro) nella nostra Provincia, requisito che permette il mantenimento dell’iscrizione al Collegio di Lucca.

Nel caso in cui sia la residenza che il domicilio professionale non siano in Provincia di Lucca, l’Iscritto è tenuto a segnalarlo a questo Collegio e a trasferire la propria iscrizione al Collegio Ipasvi della Provincia dove ha la residenza e/o il domicilio professionale.

La procedura di trasferimento è semplice e prevede i seguenti passaggi a cura dell’Iscritto:

- Comunicazione al Collegio Ipasvi di Lucca della residenza e/o domicilio professionale in altra provincia;

- Verifica di avvenuto pagamento della quota dell’anno in corso al Collegio di provenienza (Lucca): €84,00;

- Inoltro della domanda di trasferimento in bollo da €16,00 al nuovo Collegio (chiedere il modulo direttamente al Collegio di destinazione).

Il completamento del trasferimento avverrà poi fra i due Collegi interessati. La pratica si concluderà con il ricevimento, da parte dell’Iscritto, di una lettera di cancellazione dal Collegio di Lucca e la comunicazione dell’ avvenuta iscrizione al nuovo Collegio.

A disposizione per ogni eventuale chiarimenti.

Cordiali saluti.

Dott.ssa Maria Cristina Orsi – Presidente Collegio Ipasvi di Lucca